Mangiatoia per Uccelli For Dummies

sabato 11 febbraio 2012



E' inverno inoltrato, nevica praticamente in tutta Italia (o se non nevica ha già nevicato), e chi di noi può se ne sta nel salottino bello bellino con copertina, pantofoline e una bella cioccolatina, magari godendosi dalla finestra un bellissimo paesaggio coperto di bianco. Che bella la neve, vero?

Non sono dello stesso parere gli uccellini: come segnala la LIPU (e il mio prof di scienze), la neve è il peggior nemico per l'uccellino di campagna. Questo cambiamento repentino di temperatura infatti sta provocando la morte di moltissimi animali selvatici, in particolare proprio gli uccelli, che non vanno in letargo.
Sarebbe quindi bello costruire una mangiatoia per aiutarne la sopravvivenza, ma come?



Proponiamo quindi qui di seguito un semplice modo di costruire una mangiatoia; ci sono riuscito io che sfioro la disabilità per quanto riguarda i lavoretti a mano, quindi non ci sono scuse: possono farcela veramente tutti.
Pronti via!










Innanzitutto procuratevi il materiale necessario: trovate un cartoccio di latte o una bottiglia qualunque, delle forbici (o un taglierino) e dello spago (anche se non è presente nella foto fidatevi di me, l'ho fatto io cacchio).

Come dite? Siete pronti per cominciare?
Beh, bravi, ma prima dovete sciacquarne il contenuto, zozzoni! Non vorrete che la mangiatoia profumi di latte rancido.













Secondo passo: incidete (se avete un taglierino) o tagliate (se avete delle forbici) il cartoccio, di modo tale da creare l'ingresso della vostra mangiatoia. Più grande è, più sarà facile l'ingresso del pennuto. Ricordate però di lasciare un piccolo 'scalino' ai piedi della porta, altrimenti i semi potrebbero finire rovesciati per terra!












Terzo passo: trovate il punto ideale dove praticare con delle forbici (visto che alla fine servivano lo stesso?) due piccoli fori, sul tetto della vostra mangiatoia. In questo caso con il cartoccio di latte l'affare è abbastanza intuitivo, se avete una bottiglia o qualcos'altro lasciatevi guidare dalla vostra fantasia, riuscirete a fare due buchi no?



La nostra mangiatoia è quasi pronta, ma prima di appenderla vediamo con cosa riempirla.

Gli uccellini non sono poi così schifiltosi, mangiano quasi tutto, ma ci sono alcune cose da evitare.

Ecco un breve elenco di quello che potreste mettere nella mangiatoia senza andare a fare la spesa:

Pezzetti di grasso (anche margarina) o carne non salata, frutta fresca e secca (noci, nocciole, pinoli sgusciati), miscele di semi vari (miglio, canapa, avena, frumento, semi di girasole, mais spezzato, arachidi non salate).

Noi abbiamo recuperato in casa alcuni di questi semi, ma va bene tutto quello che abbiamo appena elencato.

ATTENZIONE: è assolutamente da evitare il cibo salato o piccante.
Per gli uccelli è tossico!

Un recente appello di un veterinario della LIPU parla chiaro: sono da evitare anche briciole di pane e di dolci.



Bene, adesso che abbiamo veramente tutto, non resta che posizionare la nostra mangiatoia.
Anche se in foto non si vede, tagliate dello spago e annodatelo nei due forellini praticati: ci servirà per appenderla all'albero.
Ecco: la nostra mangiatoia è pronta!























Importante: per evitare che qualche gatto possa approfittarsene e braccare gli uccellini mentre sono all'interno a mangiare, è fondamentale posizionare la mangiatoia su un albero, a circa 1,5 m di distanza dal suolo, oppure su un davanzale.
Rifornite continuamente la mangiatoia poco per volta, per garantire la continua presenza di cibo ma evitare che il cibo vada a male.


Non resta nient'altro da dire, buona mangiatoia!

Ps: lo so che esteticamente non è il massimo. Avrei potuto pitturarla, patchworkarla, decouparla, graffitarla, ma a meno che non vogliate farne un pezzo di design per il vostro giardino, l'importante è che sia utile!
E lo è.


Tanti saluti,


Nicolò.







0 commenti:

Posta un commento

Lascia un commento, ci fa piacere :)
L'educazione è d'obbligo, l'allegria la benvenuta


Articoli correlati per categorie